HI-FI Dream

Introduzione
 
 
Si tratta di due mini diffusori a due vie derivati dalle Hatt di http://www.humblehomemadehifi.com/
 
Dopo l'ottimo risultato ottenuto con le Hatt SS ho deciso di realizzare una versione con componenti più economici ma più evoluta dal punto di vista tecnico/realizzativo, cercando di fare tesoro degli errori commessi con la prima versione.
 
Vi anticipo che le Hatt TBS hanno ottenuto ottimi consensi da tutti quelli che le hanno ascoltate.
Si sono anche aggiudicate il primo premio nella categoria “Pesi leggeri” (spazio quindi ai diffusori bookshelf ) nell’VIII Contest CHF Nazionale di Autocostruzione HI-FI.
 
 
Intanto vi presento i protagonisti:
 

 

Tweeter Tang Band 25-669C
 Tweeter Tang Band 25-669C
 Mid-woofer Seas Prestige L12RCY/P 
 
Seas Prestige L12RCY 4.5inch (12cm)
 
Progetto
 
Affrontiamo ora tutti i temi progettuali e le simulazioni effettuate prima della realizzazione.
 
 

 

Bass Reflex

 

 
l box è in bass reflex di circa 5 litri, frequenza di accordo 63Hz:

 Volume Hatt TBS

  
Assorbente in quantità media:
 
Assorbente Hatt TBS
 
Condotto di accordo da 35mm di diametro e 100mm di lunghezza:
 
Condotto Reflex Hatt TBS
 
 
 
Simulazioni:
 
Simulazioni Seas in Cassa
 
 
 
Come si può vedere non possiamo fare miracoli e la fisica non è un’opinione! 
Non possiamo attenderci i 20Hz in flat da un wooferino di 12cm, ma non è neppure questo il senso di un mini diffusore.
 
La risposta è accettabile fino a 60Hz e questo ci garantisce, comunque, un buon risultato rapportato al diametro nominale dell’altoparlante e all’ingombro minimo del diffusore.
 
Nascono per sonorizzare ambienti medio-piccoli. La stanza tipo è il classico studio da 10-12mq. In ogni caso, grazie ad un attento posizionamento possiamo guadagnare qualche dB in gamma bassa avvicinando i diffusori alla parete posteriore e/o laterali.

 

 
 
Stazionarie
 
Le dimensioni del box soddisfano il rapporto dimensionale di “Louden”, il fenomeno delle stazionarie interne è quindi ridotto ai minimi termini.
 
Per di più le stazionarie ricadono a frequenze medie e possono essere eliminate del tutto grazie all’assorbente acustico.
 
La formula che ci permettere di conoscere la frequenza dell’ onda stazionaria (tra due superfici riflettenti parallele) che si produce in un materiale (o in aria) di dimensione prevalente D è
 

 

F (Hz) = V (m/s) / 2D (m)

 

 
dove V è la velocità di propagazione del suono (dipendentemente dal materiale attraversato). Nel caso dell’aria V = circa 344m/s.
 
Quindi, considerando le tre coppie di pareti parallele, si ha
F1 = 344 / 2*0,248 = 344 / 0,496 = 693 Hz
F2 = 344 / 2*0,13 = 344 / 0,26 = 1323 Hz
F3 = 344 / 2*0,18 = 344 / 0,36 = 955 Hz
 
Rapporto Dimensionale Rispettato Hatt TBS
 
 
Diffrazioni ai bordi
 
Andiamo avanti con le simulazioni e affrontiamo il tema delle diffrazioni.
 
Obiettivo è quello di ottimizzare il posizionamento degli altoparlanti per minimizzare l’effetto delle diffrazioni del pannello sulla risposta in frequenza.

 

Posizione tweeter centrale, è evidente un bel buco di quasi 3 dB a 3,5KHz:

Diffrazione Tweeter al Centro del Baffle Hatt TBS
 
Decentrando il tweeter a sinistra di pochi cm, restano solo piccole e normali ondulazioni (meno di 1 dB):
 
Diffrazioni Tweeter Decentrato Hatt TBS 
 
Per il woofer, invece, la posizione simmetrica non causa alcun problema:
 
Diffrazioni con Woofer al Centro Hatt TBS
 
 
 
Le simulazioni per il box sono state fatte con BassBox Pro .

Quelle sulle diffrazioni con The Edge .

 
 
Offset

L’offset verticale, è lo scostamento dei centri di emissione sul piano verticale.

Quello orizzontale, detto anche di profondità è invece lo scostamento dei centri acustici degli altoparlanti sul piano orizzontale.

Date le dimensioni ridotte di questi diffusori, non vedo particolari problemi riguardante l’offset verticale e di conseguenza dovremmo ottenere una buona dispersione, verificabile dopo le misurazioni con il diagramma polare verticale.

L’offset orizzontale è causa di un disallineamento temporale.
Per assicurarci la giusta coerenza di fase acustica bisognerebbe allineare perfettamente i centri acustici.

 
Al fine di minimizzare l’offset orizzontale e verticale, avvicinerò il Seas il più possibile al tweeter con una leggera sovrapposizione in modo da prendere due piccioni con una fava!

L’idea è di avvicinare i due centri di emissione il più possibile con il minimo sforzo e poi “curare” eventuali problemi di fase mediante il passivo.

 

 

 

Hatt TBS (Tang Band Seas) – mini diffusori a 2 vie

freccia sinistra1

Dettagli Costruttivi Hatt TBS

 freccia

N.B. "Al fine di rendere il tutto ancora più interessante, per contattare il progettista, oltre hai metodi classici, ci si può avvalere del modulo commenti sottostante. Tale modulo ci da la possibilità di creare un vero è proprio centro nevralgico di informazioni inerenti al progetto, in tal modo è possibile rilasciare: pareri, critiche, domande (rivolgendosi direttamente al progettista) e tanto tanto altro. Anche questa è una fonte di crescita e di confronto per il progettista, per il progetto e per tutti coloro che si pongono domande."  

 


NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo